Come tradurre file PDF in italiano

0

- Sponsor -

A volte capita di trovarsi alle prese con testi, presentazioni o manuali digitali in formato PDF che non includono l’italiano fra le lingue contemplate, in particolare quando si tratta della documentazione allegata a prodotti acquistati all’estero. Come si può ovviare al problema?

 

Come è possibile tradurre un file pdf in italiano ?

La prima soluzione non richiede altro che una connessione Internet: è infatti possibile sfruttare Google Traduttore (https://translate.google.it/) per caricare il proprio file, scegliere la lingua dalla quale tradurre (qualora l’algoritmo non riesca a rilevarla correttamente) e premere il pulsante Traduci. L’unico prerequisito è che il documento non sia protetto da password, altrimenti Google non riuscirà ad elaborarlo.
Benché il lavoro svolto dall’applicativo sia buono nella maggioranza dei casi, tuttavia, questa procedura non rispetta la formattazione originale del documento e il risultato finale potrebbe rivelarsi poco leggibile.

- Da vedere -

Per avere maggiore controllo sulla traduzione del testo, possiamo in alternativa caricarlo su Google Drive (https://drive.google.com/), localizzarlo nell’elenco dei nostri file e scegliere di aprirlo in Documenti Google tramite clic destro. Una volta visualizzato, basta selezionare dal menu Strumenti la voce Traduci documento.., scegliere il nome del nuovo file che verrà creato e la lingua di destinazione desiderata, quindi cliccare sul pulsante Traduttore. Il documento così creato contiene in testa le pagine originali e in coda la versione tradotta senza formattazione, che però potremo modificare e perfezionare a seconda delle nostre esigenze.

Qualora fossimo in possesso della versione 2013 o 2016 di Word, possiamo utilizzare quest’ultimo per raggiungere il nostro scopo. Le versioni più recenti del programma Microsoft convertono, infatti, in automatico i file PDF in documenti Word, rispettandone la formattazione laddove possibile. A questo punto, sarà sufficiente cliccare sul pulsante Traduci dal menu Revisione, scegliere la lingua di origine e quella di destinazione e infine fare clic su Traduci documento: Word invierà il testo al suo servizio online Bing Translator e aprirà il nostro browser predefinito con la traduzione desiderata, per quanto sempre priva di immagini e formattazione. E’ anche possibile selezionare parti specifiche del documento e scegliere dallo stesso menu Traduci testo selezionato: in tal caso, la traduzione parziale comparirà in una colonna laterale all’interno di Word.

Esistono molte alternative gratuite ai succitati sistemi, come DocTranslator (lo trovi qui) e SDL (ecco il link), che funzionano in maniera analoga a quanto già spiegato per Google Traduttore, nonché prodotti commerciali come Multilizer (vai qui), perciò non sarà difficile trovare il software adatto alle nostre esigenze.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.