Come scegliere il climatizzatore. Consigli di base per il miglior acquisto

0

- Sponsor -

Adesso che siamo arrivati nel periodo estivo nelle nostre abitazioni (o in locali di cui siamo proprietari) si crea il problema della morsa del caldo, con la conseguente necessità di trovare un rimedio per poter vivere in un ambiente che sia più fresco. La soluzione migliore è quella di dotarsi di un climatizzatore, indispensabile, soprattutto, in luoghi lavorativi affollati e di fronte a stagioni torride come quelle degli ultimi anni.

Cosa tenere in considerazione nell’acquisto di un climatizzatore

- Da vedere -

Tuttavia quando si va ad acquistare un prodotto del genere bisogna considerare una serie di fattori. Come prima cosa bisogna guardare la classe energetica del climatizzatore: comprarne uno di classe A vuol dire non solo risparmiare sulla bolletta, ma significa soprattutto dare una mano all’ambiente.
A questo punto bisogna considerare la potenza che deve avere il climatizzatore: la potenza deve essere adeguata alle dimensioni della stanza in cui l’apparecchio verrà installato, quindi state attenti a non comprare un apparecchio troppo potente se poi la stanza nella quale deve operare è troppo piccola. Ad esempio se una stanza ha massimo trenta metri quadrati bisogna installare un climatizzatore con una potenza massima pari a 9000 Btu.

Quando si acquista un climatizzatore si rende opportuno, non meno, valutarne la  collocazione: se in una singola stanza oppure in più zone della casa. Nel caso in cui il climatizzatore debba funzionare in più stanze, allora si può scegliere tra due diverse opzioni. La prima è quella di comprare un unico split ed installarlo nel corridoio di casa vicino alle stanze: se si sceglie questa ipotesi allora il climatizzatore deve essere del tipo on-off, anche se in questo caso ci sarà un maggior consumo di energia. Oppure si potrebbe decidere di installare uno split per ogni camera, tuttavia in questo caso conviene utilizzare un modello dual-inverter.

Nella scelta del modello giusto ci sono altri fattori da considerare, come le dimensioni della casa in generale, oppure le modalità con cui l’ambiente viene colpito dai raggi del sole.
Se si vive in un appartamento, un fattore che può incidere sulla scelta del climatizzatore è anche quello del piano del palazzo sul quale ci troviamo. Se si decide di comprarlo, infine un fattore da considerare è il prezzo. Inutile sottolineare come questi apparecchi possono arrivare ad avere prezzi diversi.
Non ultimo in ordine d’importanza, non dimentichiamo poi la silenziosità dell’apparecchio.
Naturalmente per tutti i fattori esposti in precedenza rendono il prezzo di un modello completamente diverso dall’altro, si può, comunque, sottolineare come in linea di massima  questi apparecchi abbiano un costo che parte da circa 250 euro, per arrivare fino a 350-400 euro. In particolare quelli di classe energetica A possono presentare  un prezzo leggermente superiore rispetto ad altri modelli, però in questo caso il maggior costo si recupera con il risparmio energetico che si registra nel corso del  durante il tempo.
Infine una volta comprato, si consiglia di rivolgersi ad un tecnico che abbia esperienza nell’ambito della sua installazione, in questo modo non si eviteranno problemi futuri, certi di poter sfruttare l’apparecchio nelle miglior condizioni.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.